Menu
A+ A A-

Si torna al cinema! Le nuove disposizioni federali valide dal 19.04.2021 permettono di riaprire le sale cinematografiche.
Sono ammessi al massimo 50 spettatori e la mascherina è obbligatoria.
A presto!

 

domenica, 18 aprile 2021

cinema dal mondo 202127a EDIZIONE CINEMA DAL MONDO
26 aprile 2021 - 1 giugno 2021

 

Questa rassegna era prevista per novembre-dicembre 2020. Tutto era pronto per il suo svolgimento regolare, ma all’ultimo momento la chiusura delle sale per la pandemia ci ha costretti a sospenderla. La riproponiamo ora con solo qualche piccolo aggiustamento.

 

Il programma di Bellinzona e di Mendrisio è rimasto identico alla concezione originale.

Locarno prevede un film in meno (perché quello allora previsto in collaborazione on Los amigos de la lengua española ha potuto essere proiettato regolarmente) e Lugano ne ha aggiunti due, già presenti nei programmi delle altre località.
In questo lungo periodo di restrizioni e chiusure, si sono sentiti i vari responsabili dei cinema ticinesi dire che mancavano i film attrattivi e, nella logica della distribuzione commerciale, sarà pur vero. Eppure questa 27° edizione di Cinema dal mondo, che come sempre si prefigge di dare visibilità a film spesso ignorati dalle nostre sale, ne presenta ben 14, provenienti dall’Africa, dall’Asia e dall’America latina. Quasi tutti hanno avuto la loro prima mondiale negli ultimi grandi festival che si sono potuti svolgere normalmente (Cannes, Venezia, Berlino...) e non pochi hanno in quelle sedi ricevuto importanti riconoscimenti: l’Orso d’oro a Berlino per l’iraniano There is no Evil, la Caméra d’or per la miglior opera prima a Cannes per il guatemalteco Nuestras madres, l’equivalente Leone del futuro a Venezia nonché il Gran Premio del Festival di Friburgo per il sudanese You Will Die at 20, il Premio per il miglior film al Festival di Zurigo per il messicano Sin señas particulares. E si tralasciano qui gli innumerevoli premi ricevuti dagli altri in festival cosiddetti “minori”, se no la lista sarebbe troppo lunga. Sono tutti film che nel resto della Svizzera riescono abitualmente a trovare una loro discreta circolazione, ma che in Ticino (fatte salve quel paio di sale d’essai che cercano di resistere alla mentalità mercantile dominante) non arrivano o nel migliore dei casi arrivano col contagocce, anche perché da molto tempo ormai si è persa l’abitudine di proiettare i film nella loro versione originale sottotitolata.

I 14 film che, speriamo, i cinefili ticinesi potranno ammirare da fine aprile ad inizio giugno consentono di esplorare in profondità realtà molto lontane da quella occidentale in cui siamo immersi e che spesso limita i nostri orizzonti costringendoci a sguardi sempre più fugaci (complice anche la pandemia che sembra essere diventata l’unica preoccupazione del mondo) su quel che succede altrove. Dal Marocco al Messico, dalla Georgia al Bhutan, dall’Iran al Guatemala, si potrà immergersi per il tempo limitato di un film nelle situazioni e nei problemi di paesi che l’informazione spesso tralascia o affronta solo di striscio. Ma non si tratta solo di questo: abbiamo scelto questi film, fra i tanti possibili, soprattutto per le loro qualità cinematografiche, per le loro scelte formali, per la loro ricerca di linguaggi originali. Che poi sono le qualità che hanno permesso la loro selezione nei festival internazionali più prestigiosi.

 

Michele Dell’Ambrogio, Circolo del cinema Bellinzona

 

 

Scarica il programma completo della manifestazione »