Menu
A+ A A-

LORO

mercoledì, 2 ottobre 2019

LORO

Italia/Francia 2018

regia: Paolo Sorrentino;
sceneggiatura: Paolo Sorrentino, Umberto Contarello;
fotografia: Luca Bigazzi;
montaggio: Cristiano Travaglioli;
musica: Lele Marchitelli.
Interpreti: Toni Servillo, Elena Sofia Ricci, Riccardo Scamarcio, Kasia Smutniak, Ugo Pagliai, Ricky Memphis, Lorenzo Gioielli, Alice Pagani, Caroline Tillette, Mattia Sbragia, Roberto Herlitzka, Max Tortora, Euridice Axen, Fabrizio Bentivoglio...
Produzione: Carlotta Calori, Francesca Cima, Nicola Giuliano, Viola Prestieri, Ardavan Safaee, Muriel Sauzay, Jérôme Seydoux per Indigo Film/Pathé/France 2 Cinéma.
v.o, st. francese, colore, 150’

Leggi tutto...

A SCANDAL IN PARIS

mercoledì, 25 settembre 2019

A SCANDAL IN PARIS - UNO SCANDALO A PARIGI

Usa 1946

Sceneggiatura: Ellis St. Joseph, dalle Memorie di François Eugène Vidocq;
fotografia: Guy Roe;
montaggio: Al Joseph;
musica: Hans Eisler, Heinz Roemheld.
Interpreti: George Sanders, Signe Hasso, Carole Landis, Akim Tamiroff, Gene Lockart...
Produzione: Arnold Pressburger per A. Pressburger Productions/United Artists.
Bianco e nero, v.o. inglese, st. f, 100’

Leggi tutto...

DOGMAN

mercoledì, 18 settembre 2019

DOGMAN

Italia/Francia 2018

regia: Matteo Garrone;
sceneggiatura: Ugo Chiti, Massimo Gaudioso, Matteo Garrone;
fotografia: Nicolaj Bruel;
montaggio: Marco Spoletini;
musica: Michele Braga.
Intrerpreti: Marcello Fonte, Edoardo Pesce, Alida Baldari Calabria, Nunzia Schiano, Adamo Dionisi, Francesco Acquaroli, Gianluca Gobbi, Aniello Arena...
Produzione: Matteo Garrone, Jean Labadie, Jeremy Thomas, Paolo Del Brocco per Archimede/ Le Pacte/Rai Cinema.
v.o, st. italiano, colore, 102’

Leggi tutto...

SQUARCI DI NUOVO CINEMA ITALIANO

lunedì, 26 agosto 2019

cinema italiano 2019SQUARCI DI CINEMA ITALIANO
settembre 2019 - novembre 2019

 

Non si può certo dire che il cinema italiano goda di una buona distribuzione in Svizzera. Sugli schermi ticinesi arrivano perlopiù le solite commedie di (presunto) successo e qualche altro raro film da cui, vista la fama dell’autore o il successo nei festival internazionali, non si può prescindere. Per quest’ultimi due esempi su tutti: l’ultima fatica di Marco Bellocchio, Il traditore, reduce dai consensi ottenuti all’ultimo Festival di Cannes e che uscirà proprio in contemporanea con la nostra rassegna, e il bel documentario di Nanni Moretti, Santiago, Italia, uscito la scorsa primavera.

Leggi tutto...

L’OPÉRA DE PARIS

mercoledì, 17 aprile 2019

L’OPÉRA DE PARIS

Svizzera/Francia 2017

regia: Jean-Stéphane Bron;
sceneggiatura: Jean-Stéphane Bron;
fotografia: Blaise Harrison;
montaggio: Julie Lena;
suono: Etienne Curchod, Jérôme Cuendet;
produzione: Bande à part Films, Lausanne/Les Films Pelléas, Paris/RTS, Genève/SSR, Bern.
v.o. francese/tedesco/italiano/russo, st. francese, colore, 110’

Nominato per il premio del cinema svizzero 2019: miglior documentario

Nell’ambito di Festa Danzante 2019, l’evento nazionale di promozione di tutta la danza.

Leggi tutto...

GENESIS 2.0

mercoledì, 10 aprile 2019

GENESIS 2.0

Svizzera 2018

regia: Christian Frei, Maxim Arbugaev;
sceneggiatura: Christian Frei;
fotografia: Peter Indergand, Maxim Arbugaev;
montaggio: Christian Frei;
suono: Dieter Meyer, Florian Eidenbenz;
musica: Max Richter, Edward Artemyev;
produzione: Christian Frei Filmproduktionen, Zürich/SRF, Zürich/RSI, Lugano.
v.o. inglese/russo/jakuta/coreano, st. italiano, colore, 112’

Nominato per il premio del cinema svizzero 2019: miglior documentario

Leggi tutto...

FORTUNA

mercoledì, 3 aprile 2019

FORTUNA

Svizzera/Belgio 2018

regia: Germinal Roaux;
sceneggiatura: Germinal Roaux, da un’idea originale di Claudia Gallo;
fotografia: Colin Levêque;
montaggio: Sophie Vercruysse;
suono: Jacques Comets;
musica: Julien Painot;
interpreti: Kidist Siyum Beza, Bruno Ganz, Patrick D’Assumaçao, Assefa Zerihun Gudeta, Yoann Blanc, Pierre Banderet;
produzione: Vega Production, Lausanne/Need Productions, Bruxelles/RTS, Genève/SSR, Bern.
v.o. francese/amarico, st. francese, bianco e nero, 106’

Nominato per il premio del cinema svizzero 2019: miglior film

In ricordo di Bruno Ganz

Leggi tutto...

UN PO' DI CINEMA SVIZZERO

giovedì, 21 marzo 2018

cinema svizzero 2019UN PO' DI CINEMA SVIZZERO
25 marzo 2019 - 7 maggio 2019

 

Torna puntuale anche quest’anno la nostra selezione del meglio del cinema svizzero che si è potuto vedere alle Giornate di Soletta a fine gennaio. Quando questa rassegna inizierà a fine marzo – inizio aprile si conosceranno già i vincitori dei Quartz (gli “Oscar” del cinema nazionale), ma intanto annoveriamo con piacere nel nostro programma tre dei cinque nominati per la fiction (Ceux qui travaillent di Antoine Russbach, Der Läufer di Hannes Baumgartner e Fortuna di Germinal Roaux) e tre dei cinque nominati per il documentario (Chris the Swiss di Anja Kofmel, Genesis 2.0 di Christian Frei e Les dames di Stéphanie Chuat e Véronique Reymond).

Leggi tutto...

LA VITA È UN SOGNO

domenica, 30 dicembre 2018

cinema dal mondo 2018LA VITA È UN SOGNO - IL CINEMA DI RICHARD LINKLATER
gennaio 2019 - aprile 2019

 

La scorsa primavera, nell’ambito del festival “Strange Days” dedicato agli anni Novanta, i Circoli del cinema di Bellinzona e di Locarno presentarono tra gli altri film in programma Before Sunrise – Prima dell’alba (1995) di Richard Linklater, primo tassello di quella che sarebbe poi diventata una trilogia che ha contribuito a far conoscere il regista texano, classe 1960, fuori dai confini degli States. In realtà, la prima intenzione era quella di proiettare Slacker (1991), secondo lungometraggio di Linklater ma di fatto il primo che attirò su di lui l’attenzione della critica, il “vero” ritratto della cosiddetta Generazione X, fatta di ventenni sfaccendati e logorroici, apatici e senza ambizioni, ripresi sull’arco di una loro giornata qualsiasi.

Leggi tutto...

Cinema dal Mondo 2018

domenica, 18 novembre 2018

cinema dal mondo 2018CINEMA DAL MONDO
novembre 2018 - dicembre 2018

 

“Cinema dal mondo” ha raggiunto il quarto di secolo di vita. Se in origine negli intenti degli organizzatori poteva prevalere una certa vocazione terzomondista, testimoniata anche dalla sua denominazione iniziale (“Cinema dal sud del mondo”, poi mutatasi in “Cinema dell’altro mondo”), da diversi anni la rassegna autunnale dei cineclub ticinesi si è trasformata in una vetrina destinata ad accogliere i film di cui tanto si parla e si scrive nelle cronache dai principali festival internazionali (Cannes, Venezia, Berlino), che in quelle sedi vengono spesso insigniti dei più alti riconoscimenti, ma che poi ben raramente riescono a giungere nelle nostre sale.

Leggi tutto...