Menu
A+ A A-

mercoledì, 10 gennaio 2018

FUGA

Cile 2006

sceneggiatura: Pablo Larraín, Mateo Iribarren;
fotografia: Miguel Ioann Littin Menz;
montaggio: Juan Carlos Macías;
musica: Juan Cristóbal Meza;
interpreti: Benjamin Vicuña, Gastón Pauls, Francisca Imboden, María Izquierdo, Willy Semier, Hector Noguera, Alfredo Castro...;
produzione: Juan de Dios Larraín, Hernán Larraín per Fabula, Santiago del Cile.
v.o. spagnolo, st. inglese, 110’


Eliseo Montalbán è un musicista intrappolato in una composizione incompiuta. Da piccolo ha assistito alla morte della sorella, uccisa sopra un pianoforte, e ha composto una melodia su questo tragico evento. Anni dopo, Ricardo Coppa, un musicista mediocre e senza talento, intraprende un viaggio alla ricerca di Montalbán e della sua dimenticata creazione musicale, con l’obiettivo di trasformare quella musica in una composizione propria.

Il primo film, quasi sconosciuto, di quel grandissimo regista che è Larraín. E tutto fuorché un’opera prima sembra questo Fuga, opera dura, ossessiva, sofferta, sulla storia di un musicista e del suo componimento maledetto, un componimento nato da un terribile fatto di sangue nel suo passato. Musica che è vita e morte, riparo e dannazione. Sì, Larraín era già grande.
(Caden Cotard, in ilbuioinsala.blogspot.com, 18.3.’17)

 

Multisala Teatro Mignon e Ciak Mendrisio
ore 20.45
Entrata CHF 10.-/8.-/6.-

 

Questo sito utilizza i cookies al fine di una migliore fruibilità ed un servizio reattivo e personalizzato.
Continuando la navigazione, l'utente acconsente ed accetta l'utilizzo dei cookie.