Menu
A+ A A-

mercoledì, 10 ottobre 2018

SICILIAN GHOST STORY

Italia/Francia/Svizzera 2017

Regia: Fabio Grassadonia, Antonio Piazza
Sceneggiatura: Fabio Grassadonia, Antonio Piazza;
Fotografia: Luca Bigazzi;
Montaggio: Cristiano Travaglioli;
Musica: Anton Spielman, Sopa & Skin.
Interpreti: Julia Jedlikowska, Gaetano Fernandez, Corinne Musallari, Andrea Falzone, Federico Finocchiaro...
v.o. italiano, st. f, 122’


In un piccolo paese siciliano ai margini di un bosco, Giuseppe, un ragazzino di tredici anni, scompare. Luna, una compagna di classe innamorata di lui, non si rassegna alla sua misteriosa sparizione. Si ribella al clima di omertà e complicità che la circondano e, pur di ritrovarlo, discende nel mondo oscuro che lo ha inghiottito e che ha in un lago una misteriosa via d’accesso. Lì i due si ricongiungono, ma non possono più tornare indietro...

In Sicilian Ghost Story la coppia di promettenti e ambiziosi registi (vincitori del Gran Premio alla Semaine de la critique di Cannes nel 2013 con Salvo) sceglie l’approccio fantastico, le atmosfere fiabesche e gli echi fantasy e a tratti quasi dichiaratamente horror, pescando anche dal thriller psicologico e dal film adolescenziale, mantenendo la cornice del contesto mafioso di fondo.

Il film è infatti ispirato alla vicenda di Giuseppe Di Matteo, quindicenne figlio di un pentito ucciso e il cui cadavere venne sciolto nell’acido nel 1995, dopo due anni di rapimento. Una pagina tra le più nere della storia della mafia, che ha assunto un valore tragicamente simbolico e cupamente emblematico.

La coppia di registi, virando sul fantastico, sembra voler accentuare proprio questa atroce “mitologia”, questa connotazione della vicenda come emblema del male più puro e gratuito, in modo da renderla, astraendola in qualche modo dalla realtà, ancora più grave e scandalosa. Evitando il più possibile, come accennato, di affidarsi agli schemi e agli archetipi, non solo narrativi ma anche stilistici, con cui la mafia è stata perlopiù raccontata dal nostro cinema.

 

Multisala Teatro Mignon e Ciak Mendrisio
ore 20.45
Entrata CHF 10.-/8.-/6.-