Menu
A+ A A-

mercoledì, 21 novembre 2018

SHOPLIFTERS - UN AFFARE DI FAMIGLIA

Giappone 2018

Regia: Hirokazu Kore-eda
Sceneggiatura: Hirokazu Kore-eda;
Fotografia: Ryuto Kondo;
Montaggio: Hirokazu Kore-eda;
Musica: Haruomi Hosono;
Interpreti: Sosuke Ikematsu, Sakura Ando, Mayu Matsuoka, Lily Franky, Kirin Kiki;
Produzione: Aoi Promotion/Fuji Television Network/ GAGA.
Colore, v.o. giapponese, st. f, 121’

Palma d’oro, Cannes 2018

Nell’ambito del decentramento di Castellinaria


La famiglia di Shoplifters, nonna, due figlie adulte, il marito di una delle due e un bambino, a cui a pochi minuti dall’inizio del film si aggiunge una bambina affamata e maltrattata dai genitori, è un nucleo unito e inscalfibile (...) Tutti quanti vivono stipati ma sereni in una minuscola abitazione che forse occupano abusivamente, circondati da oggetti, vestiti e ciarpame vario, mangiando il cibo che il padre e il figlio rubano nei supermercati. Sono una famiglia di piccoli ladri.

La nonna percepisce ancora la pensione del marito morto, la madre ha un lavoro part-time che a un certo punto perde, la sorella minore si esibisce come ragazza in vetrina, il padre ogni tanto lavora nei cantieri ma il più del tempo lo passa escogitando col figlio vari modi per tirar su il pranzo e la cena. L’arrivo della nuova bambina è un’occasione felice per donare amore e calore, niente di più.

Il nucleo centrale del cinema di Kore-eda è rappresentato dalla famiglia. Alla quale la storia del cinema non ha mai mancato di dedicare attenzioni particolari, sia pure quasi sempre in un’ottica di irriverenza e contestazione, critica e dissacrazione, considerandola una sorta di centro gravitazionale dei mali endemici della società. Kore-eda invece sta dalla parte opposta (il che, almeno per uno spettatore occidentale risulta spiazzante): vuole bene ai suoi personaggi, li guarda e li racconta con infinita tenerezza, vedendo nella famiglia una sorta di involucro protettivo delle loro vulnerabilità, quindi anche un luogo di grande tolleranza reciproca.

 

Multisala Teatro Mignon e Ciak Mendrisio
ore 20.45
Entrata CHF 10.-/8.-/6.-