Menu
A+ A A-

mercoledì, 13 febbraio 2019

FAST FOOD NATION

Usa/Gb 2006

Sceneggiatura: Eric Schlosser, Richard Linklater; fotografia: Lee Daniel; montaggio: Sandra Adair.
Interpreti: Greg Kinnear, Catalina Sandino Moreno, Ana Claudia Talancón, Wilmer Valderrama, Ashley Johnson, Patricia Arquette, Ethan Hawke, Bruce Willis, Kris Kristofferson, Luis Guzmán, Bobby Cannavale, Esai Morales, Avril Lavigne, Paul Dano, Lou Taylor Pucci...
Produzione: Jeremy Thomas, Malcolm McLaren per Fox Searchlight Pictures/Participant Productions/HanWay Films/ BBC Films/Recorded Picture Company.
Colore, v.o. inglese, st. it, 112’


Don Anderson è il responsabile marketing della catena di fast-food Mickey’s. Il suo prestigio nell’azienda è aumentato da quando ha ideato uno dei prodotti di punta della catena, il panino “Big One”. Durante una riunione, tuttavia, viene informato da un dirigente che la carne destinata al prodotto che ha concepito è contaminata da feci animali. Viene così inviato a Cody, in Colorado, per indagare sulle condizioni in cui avviene la macellazione dei bovini.

La prima visita allo stabilimento non rivela alcuna irregolarità, ma alcune persone che hanno frequentato il mattatoio raccontano versioni ben più preoccupanti. Una volta scoperto come nasce davvero un “Big One”, Don sceglie di tacere la verità e di continuare il suo lavoro, con rosee prospettive di carriera. Alla sua vicenda si intrecciano quella di alcuni clandestini messicani che varcano la frontiera per lavorare al macello e garantirsi uno stipendio maggiore rispetto a quello percepito in patria, e quella della promettente Amber, cameriera del Mickey’s di Cody, che decide di licenziarsi per aderire alle proteste contro i fast-food.

Il film si rivela, anche alla prova del tempo, uno dei lavori più apertamente politici di Linklater, che si accosta a un tipo di cinema distante da quello frequentato sino a quel momento, sulla base di un’adesione personale alla denuncia mossa da Schlosser [cosceneggiatore del film e autore del libro omonimo a cui il film si ispira] nei confronti delle peggiori derive del capitalismo occidentale [...]

In Fast Food Nation non sono solo le abitudini alimentari occidentali a essere messe in discussione, ma anche altre questioni sociali urgenti come lo sfruttamento dei migranti; la natura ancora fortemente classista dell’America, in cui permane una rigida divisione tra ricchi e poveri; le falle del sistema sanitario americano e dei rapporti di lavoro.

 

Multisala Teatro Mignon e Ciak Mendrisio
ore 20.45
Entrata CHF 10.-/8.-/6.-