Menu
A+ A A-

mercoledì, 18 settembre 2019

DOGMAN

Italia/Francia 2018

regia: Matteo Garrone;
sceneggiatura: Ugo Chiti, Massimo Gaudioso, Matteo Garrone;
fotografia: Nicolaj Bruel;
montaggio: Marco Spoletini;
musica: Michele Braga.
Intrerpreti: Marcello Fonte, Edoardo Pesce, Alida Baldari Calabria, Nunzia Schiano, Adamo Dionisi, Francesco Acquaroli, Gianluca Gobbi, Aniello Arena...
Produzione: Matteo Garrone, Jean Labadie, Jeremy Thomas, Paolo Del Brocco per Archimede/ Le Pacte/Rai Cinema.
v.o, st. italiano, colore, 102’


In una periferia sospesa tra metropoli e natura selvaggia, dove l’unica legge sembra essere quella del più forte, Marcello è un uomo piccolo e mite che divide le sue giornate tra il lavoro nel suo modesto salone di toelettatura per cani, l’amore per la figlia Alida e un ambiguo rapporto di sudditanza con Simoncino, un ex pugile che terrorizza l’intero quartiere.

Dopo l’ennesima sopraffazione, deciso a riaffermare la propria dignità, Marcello immagina una vendetta dall’esito inaspettato.

Western suburbano. È questa la chiave interpretativa e la caratteristica principale di Dogman e, sebbene lo spunto narrativo sia la vicenda del Canaro della Magliana, che nel 1988 torturò per ore il boxeur e bullo di periferia Giancarlo Ricci, il regista stesso ha dichiarato come il suo film, in realtà, sia una “metafora della società in cui viviamo” e che la tragica vicenda di cronaca sia solamente un punto di partenza per “parlare d’altro”.

 

Multisala Teatro Mignon e Ciak Mendrisio
ore 20.45
Entrata CHF 12.-/10.-/8.-/6.-